Dichiarazione dei diritti dell'uomo

Prof.ssa Francomacaro | Uno dei testi fondatori della Repubblica francese è la Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo e del Cittadino, che risale al 1789. Questa dichiarazione si ispira alla dichiarazione d’indipendenza americana del 1776 e allo spirito filosofico del Settecento, segnando la fine della monarchia e l’avvio di una nuova era: la repubblica. Dopo la Dichiarazione niente fu come prima, anche nei periodi di restaurazione monarchica. Il principio della Dichiarazione è stato adottato dall’inizio della Rivoluzione francese, prima del 14 luglio 1789. A seguito di lunghi dibattiti e numerosi progetti, la versione definitiva fu approvata dai deputati il 26 agosto 1789. Ha un preambolo e 17 articoli che riguardano sia l’individuo che la Nazione. Definisce diritti "naturali ed imprescrittibili" come la libertà, la proprietà, la sicurezza, la resistenza all’oppressione. Riconosce anche l’uguglianza tra gli uomini, specie davanti alla legge e alla giustizia. Afferma infine il principio della separazione tra i poteri politici (stato) e religiosi (sotto la monarchia c’era uno stato religioso, poiché il Re traeva il suo potere e la sua legittimità da Dio). Ratificata il 5 ottobre da Luigi XVI sotto pressione dell’Assemblea ed il popolo arrivato a Versailles, servì da preambolo alla prima Costituzione della Rivoluzione Francese, sancita nel 1791. Nel corso della Rivoluzione certi principi sono stati negati da politici di allora che hanno elaborato altre dichiarazioni di Diritti dell’Uomo, nel 1793 e nel 1795. Ma il testo originario del 26 agosto 1789 rimane quello di riferimento per le nostre istituzioni odierne. Le Costituzioni di 1852, 1946 e 1958 (V Repubblica) ne fanno espressamente cenno. La Dichiarazione di 1789 ha ispirato numerosi testi simili in Europa ed America Latina, in particolare la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo del 1948, adottata da 58 paesi ed il cui 60o anniversario celebriamo quest’anno.
Vi propongo un approfondimento sulla rivoluzione francese concentrandosi sul documento principe di questo evento storico: la redazione della Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino ( http://www.dircost.unito.it/cs/docs/francia1789.htm ).
Per ogni rivoluzione che c'è stato un documento simbolo: il Bill of Rights ( http://www-3.unipv.it/webdsps/storiadoc/Doc%20GB/1688%20Bill%20of%20Rights%20(tr).htm ) per la rivoluzione inglese; la Dichiarazione d'indipendenza per la rivoluzione americana ( http://www.storiacontemporanea.eu/documenti/dichiarazione-dindipendenza-1776) e la Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino per la rivoluzione francese